Menù

Progetto Europeo InPath-Intelligent Pathways for social inclusion

Il progetto mira a rompere lo schema di trasferimento della povertà e dell’esclusione sociale da una generazione all’altra (eredità sociale) attraverso il potenziamento delle competenze dei cittadini emarginati e svantaggiati, in modo tale che riescano a gestire facilmente i problemi della vita quotidiana nei suoi diversi aspetti senza essere limitati dalla loro situazione personale. Esso inoltre vuole cambiare le prospettive e le credenze relative ai processi di apprendimento attraverso lo sviluppo di iniziative di formazione continua, usando la Teoria delle intelligenze multiple di Howard Gartner (sfruttando in tal modo diversi stili di apprendimento). Il Prof. Howard Gardner della Harvard University sostiene infatti che esistono diversi tipi di intelligenze. Egli ne ha identificate 8, ma allo stesso tempo afferma che potrebbero essercene altre.

Programma: Grundtvig Multilateral Project
Coordinatore: Sociedade Portuguesa de Inovação (SPI) Portugal
Gruppo obiettivo del progetto: formatori e operatori sociali
Beneficiari: cittadini svantaggiati/emarginati
Stakeholder: Associazioni per la formazione e l’inclusione sociale, Istituti di formazione, reti di assistenza sociale, assistenti e operatori sociali, decisori pubblici, istituzioni locali/nazionali/internazionali che mirano a migliorare la vita delle persone con difficoltà sociali, educatori e formatori.
RISULTATI ATTESI
Sviluppo di un corso di formazione e di un manuale contenente indicazioni per strategie e approcci innovativi per educatori di adulti e operatori sociali, al fine di migliorare la loro conoscenza e dare accesso a strumenti pratici che possano essere implementati nel lavoro con cittadini emarginati e svantaggiati.
Corso di formazione Pilgrims – Agosto 2013
La scadenza per le richieste di finanziamento alle agenzie nazionali è il 16 Gennaio 2013.
Manuale pratico
Il manuale sarà facilmente accessibile agli utenti (user friendly) sia per i contenuti che per la modalità di accesso, per facilitarne un uso allargato.
Il manuale fornirà esempi legati alla Teoria delle intelligenze multiple all’interno di ciascuna delle 4 competenze individuate:
1. Competenze di gestione finanziaria;
2. Competenze per la ricerca attiva di lavoro e l’imprenditorialità;
3. Competenze genitoriali;
4. Competenze per imparare ad apprendere.
Dal momento che la conoscenza degli utenti sulla Teoria delle intelligenze multiple potrebbe variare in modo significativo, è stato deciso (già nel corso del meeting di apertura del progetto e definitivamente durante l’ultimo meeting in Germania) che il manuale dovrà avere consentire livelli di lettura diversificati (in particolare, 4 livelli) sulla base della competenza degli utenti rispetto alla Teoria.
Il contenuto del Manuale sarà basato parzialmente sulle osservazioni e sui risultati del Work Package 2 – WP 2 (Rapporto Globale sull’Analisi dei Bisogni), così come sulla Teoria delle intelligenze multiple elaborata dal Prof. Howard Gardner.

PRIMO MEETING: OPORTO, PORTOGALLO – 6-7 DICEMBRE 2011
L’incontro si è tenuto presso la sede della Sociedade Portuguesa de Inovação (SPI), coordinatore del progetto. Scopo principale del meeting è stato quello di presentare i work package, i partner e il project management.
SECONDO MEETING: ERLANGEN, GERMANIA – 10-11 MAGGIO 2012
L’incontro si è tenuto presso la sede dell’Institute for Innovation in Learning, che ha anche organizzato l’evento.
Obiettivo di questo meeting è stato quello di discutere:
i risultati dell’analisi dei bisogni realizzata (WP2);
lo sviluppo del manuale (WP3);
alcune idee preliminari sui workshop pilota;
lo sviluppo complessivo del progetto e stato di avanzamento.
RAPPORTO SULL’ANALISI DEI BISOGNI – LUGLIO 2012
Uno degli obiettivi del progetto IN PATH è di condurre un’analisi dei bisogni degli individui che lavorano con gruppi socialmente svantaggiati e studiare gli strumenti esistenti usati per migliorare le competenze chiave. In aggiunta, l’analisi risponde allo scopo del progetto di comprendere meglio qual è il gruppo obiettivo in ciascun Paese considerato. Anche se una definizione di gruppo obiettivo già esiste, essa è abbastanza generica e rende necessario considerare anche le realtà nazionali al fine di adattare il più possibile i risultati del progetto agli specifici gruppi obiettivo.
Questi obiettivi sono stati raggiunti attraverso il WP2 – Analisi dei bisogni.
Il WP2 è partito con l’elaborazione di una Strategia di Analisi dei Bisogni. Il WP2 aveva l’obiettivo di:
i) identificare i bisogni dei gruppi traget;
ii) raccogliere conoscenze sullo stato dell’arte nel settore;
iii) condurre una ricerca desk su strumenti e approcci che applicano la Teoria delle Intelligenze Multiple (TIM).
Lo scopo del WP2 – Analisi dei bisogni è stato di identificare i bisogni di formazione e informazione del gruppo obiettivo del progetto al fine di ottenere informazioni concrete e linee guida per lo sviluppo di quattro prodotti previsti dall’intero progetto: Manuale, Workshop Nazionali, Rapporto di Test e Validazione e Corso di Formazione Grundtvig.
Il WP2 ha coinvolto direttamente i membri del gruppo obiettivo attraverso le proprie attività e campagne di conoscenza condotte a livello locale nel Paese di ciascun partner.
La valutazione dei bisogni è importante, dal momento che rappresenta la base per tutto il lavoro successivo all’interno del progetto, come ad esempio la redazione del Manuale. Questa attività è stata inoltre vista come un’opportunità di coinvolgere il gruppo obiettivo sin dall’inizio, identificando le realtà e i contesti nazionali dai quali i risultati del progetto saranno elaborati.
Il Rapporto Globale è ora disponibile in lingua inglese e i partner tradurranno il rapporto nello rispettive lingue nazionali. Le diverse versioni tradotte saranno disponibili e scaricabili dal sito del progetto.
PARTECIPAZIONE ALLA CONFERENZA MONDIALE CONGIUNTA SU ASSISTENZA SOCIALE E SVILUPPO SOCIALE: AZIONE E IMPATTO 8-12 LUGLIO 2012 / SCOCCOLMA, SVEZIA
Il progetto In Path è stato rappresentato in questa Conferenza con un poster e c’è stata la possibilità di scambiare informazioni con altre organizzazioni e progetti da tutto il mondo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Skip to content