Menù

Ciclo di iniziative formative sul tema “Patologie da Dipendenza in età evolutiva” – CIPensi mai a… i-Generation e società additiva. Il ruolo del pediatra e il valore della rete multidisciplinare sul territorio della Regione Lazio

Data: 30 Aprile 2022
Ora: 07:30 - 13:45

Per info e contatti

Email:
Telefono:

Luogo: Hotel Courtyard by Marriott Rome Central Park****
Via Giuseppe Moscati 7 - 00168 Roma (RM) Roma 00168


Descrizione Evento

Le Dipendenze da Sostanze e quelle Comportamentali stanno interessando individui sempre più giovani con situazioni che vanno dall’abuso di alcol, all’uso di nuove sostanze, alle Dipendenze da tecnologia e, talvolta, attraverso il gaming, al gioco d’azzardo. Comprendere i fondamenti scientifici e la dimensione bio-psico-sociale della patologia, riconoscere i segni premonitori e le situazioni problematiche è di fondamentale importanza anche per le figure professionali non specialistiche (dell’Addiction) come i Pediatri di Libera Scelta e le altre figure professionali sanitarie che si occupano di bambini e adolescenti. L’attenzione è rivolta a quella generazione che la psicologa americana Jean Twenge ha definito “I-Generation”, cioè generazione delle reti, in particolare i nati dal 1996 al 2015 (ISTAT): giovani che hanno utilizzato le nuove tecnologie fin dalla più giovane età e che vivono in una “Società additiva” che sfrutta una sorta di naturale tendenza alla dipendenza e l’innata voglia di essere diversi da ciò che si è, di sperimentare nuovi percorsi e di pensare che l’alterazione sia una vera forma di liberazione dalle ansie. Sviluppare quindi una rete di collaborazione tra professionisti sul territorio è fondamentale per prevenire ed avviare al trattamento precoce nei servizi specialistici quei soggetti e i loro famigliari che ne hanno bisogno e che possono trovare risposte tempestive ed efficaci. Per questo, il ruolo del Pediatra è centrale nel riconoscere le circostanze nelle quali si possono manifestare problemi che riguardano il giovane paziente e la sua famiglia. Inoltre, il ruolo risulta rilevante anche dal punto di vista della prevenzione e dell’avvio dei percorsi specialistici più adatti al singolo caso. Occorre quindi una collaborazione stretta tra la Rete Territoriale Pediatrica e quella dei Servizi Specialistici per le Dipendenze, collaborazione che si deve sviluppare attraverso una sensibilizzazione maggiore su questi temi, sulla condivisione di percorsi diagnostico-terapeutici e di prevenzione e sul riconoscimento delle situazioni di reale difficoltà delle famiglie, per questo occorre anche il riconoscimento delle iniziative di collaborazione interaziendale, interdistrettuale ed interistituzionale. Occorre pertanto soffermarsi su possibili modelli di collaborazione anche a fini di ricerca.

Dott. Giuseppe Reale Publiedit s.a.s.

Skip to content