Menù

Corso di Perfezionamento di Psicologia Clinica Perinatale

Data: 30 Maggio 2014
Ora: 09:00 - 18:00

Per info e contatti

Email:
Telefono:

Luogo: Link Evento Ordine Psicologi Marche
Via Calatafimi, 1 Ancona


Descrizione Evento

30/05/2014 10/12/2014
Università degli studi di Brescia-Viale Europa 11-Brescia, Brescia
Telefono: 0303717274-0303717268

Il Corso di Perfezionamento interdisciplinare si colloca nella prospettiva delle attività di Formazione previste dal progetto della Università degli studi di Brescia HEALTH & WEALTH @UniBS per la promozione della Salute e del Benessere. Il Corso di Perfezionamento post laurea è rivolto ai medici (neonatologi, pediatri, neuropsichiatri infantili, ginecologi) agli psicologi, psicoterapeuti e a tutti gli operatori della perinatalità (ostetriche, puericultrici, infermieri, fisioterapisti,assistentisanitarie,assistentisociali,educatori).
La formazione si articola in sessioni distinte ma integrate, nelle quali vengono trattate tematiche inerenti la perinatalità, sviluppate attraverso competenze specialistiche di esperti nazionali e internazionali in una integrazione tra le diverse professionalità attraverso un percorso formativo interdisciplinare.
La Salute fisica e mentale e il Benessere che concerne la perinatalità riguarda sia i genitori, sia i neonati. La Psicologia Clinica Perinatale ha come suo oggetto unitario lo sviluppo della progettualità generativa e genitoriale, in una triade madre-bambino-padre, nell’insieme relazionale che li lega e il suo evolversi dall’epoca prenatale, attraverso le vicende della gestazione, parto, nascita, puerperio, allattamento, neonatalità e sviluppo del bimbo nei suoi primi anni di vita, collocato nel collettivo costituito dall’organizzazione dei servizi assistenziali istituiti per proteggere e aiutare il processo di nascita-crescita nonché nel più vasto contesto culturale e sociale. Il corso svilupperà secondo una modalità multidisciplinare la complessità del fenomeno dello sviluppo del feto, del neonato e del bambino considerato nei suoi aspetti psicobiologici e relazionali. Alla base vi è il concetto di continuità tra la vita intrauterina e extrauterina, comprovata dalla possibilità di osservare in vivo la complessità delle attività e delle prerogative manifestate dal nascituro fin dai primi tempi della gestazione, e la conoscenza di quanto questa sia dipendente dalla relazione che si stabilisce coi genitori. Questo per due ordini di ragioni, che rimandano entrambe alla modulazione relazionale: la prima riguarda lo studio della regolazione (psicosomatica) del concepimento e di tutte le successive vicende, nella normalità di una gestazione e di un parto detti fisiologici, con una loro notevole gamma di ottimalità-difficoltà, nonché nella patologia, mentre la seconda rimanda allo sviluppo mentale primario (feto e neonato) quale condizione dello sviluppo dell’individuo in formazione, in cui la massima attenzione viene rivolta alla relazione, madre/feto-neonato/padre. Il periodo perinatale di un bambino è indissolubilmente legato, forse determinato, dalla maturazione psichica che avviene, o dovrebbe avvenire, nella struttura mentale dei suoi genitori: si può dunque considerare, e studiare, una perinatalità psichica come caratteristica fondamentale dei genitori, condizionante nel suo evolversi il futuro del bimbo e dell’intera sua famiglia, nella prospettiva della tutela della salute mentale perinatale.
La perinatalità psichica si struttura progressivamente nella mente di ogni membro della coppia genitoriale durante il periodo della gestazione, ma anche già da prima, a partire dalla progettualità generativa che aveva motivato consapevolmente o inconsapevolmente il desiderio di un figlio. I processi psichici sottesi alla filiazione sono costituiti dai vissuti intrapsichici dei futuri genitori ma sono anche collegati al contesto sociale e culturale. La perinatalità psichica viene pertanto a collocarsi in una prospettiva ampia, che implica aspetti intrapsichici, interpersonali, relazionali, sociali e transgenerazionali. Essa fa parte di quel complesso quadro denominato transizione alla genitorialità.
I recenti mutamenti sociali e culturali, che hanno consentito la diffusione di nuove strutture familiari e modalità diversificate di assunzione del ruolo genitoriale, hanno proposto sempre più articolati percorsi della filiazione (procreazione medicalmente assistita, prematurità, differenti condizioni di accudimento etc) cosicché gli aspetti connessi alla perinatalità psichica sono andati implicando processi sempre più complessi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content