Menù

Corso introduttivo alla Metapsicologia e alla Tecnica di ISTDP

Data: 1 Dicembre 2012
Ora: 09:00 - 18:00

Per info e contatti

Email:
Telefono:

Luogo: Link Evento Ordine Psicologi Marche
Via Calatafimi, 1 Ancona


Descrizione Evento

1/12/2012 9.00 2/2/2013 16.00
Via della Palancola, 20, Firenze
Telefono: 055 585013

Molto interesse si è incentrato negli ultimi anni sulle psicoterapie dinamiche ed in modo specifico sulle Psicoterapie Brevi.
Esse attivano una attenzione specifica mirante a rispondere alla richiesta dei pazienti di avere sollievo dai disturbi in tempi brevi, dunque a ridurre i costi delle Psicoterapie e ad accettare un maggior numero di pazienti. La Intensive Short-Term Dynamic Psychotherapy di H.Davanloo è una tecnica rivoluzionaria che permette sin dalla prima seduta l’accesso rapido e diretto all’Inconscio e alle forze psicopatologiche dinamiche responsabili dei disturbi.
Il Corso è basato sulla presentazione e sul commento di materiale clinico audiovisivo. Esso permetterà di seguire l’intero andamento di una Terapia, dall’intervista iniziale, alla fase di working-through, a quella finale e alla valutazione degli esiti.
L’utilizzo sistematico della videoregistrazione, quale supporto alla ricerca scientifica e alla supervisione clinica, ha permesso inoltre a Davanloo di studiare la biologia e la neurologia delle emozioni e di utilizzarle come basi scientifiche, piuttosto che puramente speculative, per lo sviluppo della Tecnica.
L’aspetto clinico che caratterizza la ISTDP è l’approccio diretto alla Resistenza, l’ostacolo maggiore che ogni terapeuta ed ogni paziente incontrano. Questa viene attivamente ricercata e confrontata, affinché la coppia terapeuta-paziente possa, sin dall’inizio, conoscere e combattere i fattori che impediscono l’accesso al nucleo psicopatologico nevrotico fonte di sofferenza per il paziente. Non ci sono interpretazioni e non c’è spazio per lo sviluppo di una nevrosi di transfert.
Per Davanloo questo lavoro può essere fatto solo con la collaborazione attiva della parte funzionante del paziente il quale, allo stesso tempo, è osservatore della propria distruttività nel legame terapeutico e agente di cambiamento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content