Menù

CORSO SPC

Data: 6 Aprile 2017
Ora: 09:00 - 18:00

Per info e contatti

Email:
Telefono:

Luogo: Link Evento Ordine Psicologi Marche
Via Calatafimi, 1 Ancona


Descrizione Evento

06/04/2017 18:00 19/11/2017 14:00
COMUNITA' MONASTICA EREMO DI MONTE GIOVE STRADA COMUNALE DI MONTEGIOVE, FANO (PU)
Telefono: 335 6388963

La mindfulness può essere descritta come “la consapevolezza che emerge dal prestare attenzione di
proposito, nel momento presente e in maniera non giudicante, allo scorrere dell’esperienza,
momento dopo momento” (Kabat-zinn, 2003).
Lo sviluppo di tale consapevolezza permette una crescente comprensione e una graduale riduzione
dei propri automatismi, reattività e giudizi che limitano la possibilità di approcciarsi alla vita con
apertura, curiosità e comprensione reciproca e che, in maniera concomitante, possono essere causa
di malessere fisico e psicologico.
Sebbene ad oggi esistano numerosi protocolli basati sulla mindfulness, solo pochi di essi sono stati
sufficientemente studiati e si sono dimostrati efficaci per una larga varietà di condizioni mediche e
psicologiche. La Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR) e la Mindfulness Based Cognitive
Therapy (MBCT) sono due tra gli interventi basati sulla mindfulness più largamente utilizzati e di
provata efficacia.
L’MBSR è stata ideata dal dottor Kabat-Zinn come veicolo per integrare la meditazione buddista di
consapevolezza con la moderna pratica medica e psicologica. Il corso di MBSR è un intervento
psicologico di gruppo della durata di 8 settimane, che impiega tecniche di meditazione e semplici
esercizi di yoga per aiutare le persone con problemi legati allo stress o altri disturbi psico-fisici a
essere più consapevoli delle proprie reattività e a relazionarsi ad esse in maniera più accogliente e
meno giudicante.
L’MBCT è un trattamento psicologico di gruppo della durata di 8 settimane nato dall’integrazione
della terapia cognitivo-comportamentale con il programma di MBSR. Scopo dell’MBCT è quello di
aiutare i pazienti con disturbi psicologici, in primo luogo i pazienti che soffrono o hanno sofferto di
depressione, a osservare in modo più equanime e meno giudicante i propri contenuti mentali,
precedentemente scambiati per "la realtà", promuovendo lo sviluppo di una crescente flessibilità e
fiducia nella possibilità di liberarsi dalle proprie narrative personali e di approcciarsi alla vita con
maggiore stabilità e apertura.

Francesca Romana Righi Scuola di psicoterapia Cognitiva s.r.l

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content