Menù

“Il Circle of Security nel lavoro a sostegno delle funzioni genitoriali: teoria e prassi clinica per la prevenzione e l’intervento”. Con Francesca Manaresi

Data: 11 Novembre 2022 - 12 Novembre 2022
Ora: 00:00

Per info e contatti

Email:
Telefono:

Luogo: SpazioPin
Viale Monte Santo, 5 Milano 20124 Milano


Descrizione Evento

Data la collaborazione con l’ordine delle Marche, è possibile acquistare il workshop con il 20% di sconto, grazie al codice sconto: 6x2j94ws_doc

 

Lo studio della disposizione umana alla relazione nelle sue determinanti neurobiologiche e relazionali permette poi di porre particolare attenzione alla motivazione interpersonale nelle sue diverse declinazioni.Facciamo riferimento in modo specifico all’approccio co- gnitivo-evoluzionista (Liotti 1994, 2005, 2008) che sostiene l’esistenza di almeno cinque sistemi motivazionali interpersonali che caratterizzano specifiche forme di relazione: attaccamento (richiesta di cura), accudimento (offerta di cura), Rango (competizione per il rango sociale), Sessualità (formazione della coppia sessuale), Cooperazione (colla- borazione fra pari).Tutti i sistemi motivazionali sono presenti dalla nascita ma si manifestano in modo compiuto in diverse fasi dello svi- luppo.Le dinamiche e volutive sono quindi contrassegnate anche dalle diverse attivazioni motivazionali che influenzano in modo signi cativo i processi di elaborazione e interpreta- zione delle informazioni relazionali (Hill 2001, Liotti e Mon- ticelli, 2008, Manaresi et al 2008). Poter considerare gli assetti motivazionali permette di com- prendere meglio come i processi di regolazione dell’atti- vazione emotiva, le funzioni cognitive, i sistemi comporta- mentali entrino in gioco nello sviluppo nelle sue traiettorie tipiche e atipiche.La possibilità di considerare questi aspetti nella lettura dei fenomeni relazionali genitori-bambini si sta poi rivelando di grande utilità clinica.Il modello proposto prevede l’analisi di filmati in sedute di video feed-back con la coppia genitoriale. In una cornice di “attenzione condivisa” determinata dall’osservare insieme (coppia genitoriale e terapeuta) i lmati relativi al bambi- no il clinico cerca di promuovere un assetto cooperativo che permetta di lavorare sull’individuazione degli elementi strutturanti le relazioni di accudimento-attaccamento, di ri- conoscere le diverse attivazioni motivazionali e di coglierne gli aspetti disfunzionali per poter attuare interventi trasfor- mativi realizzabili soprattutto grazie a un evidente migliora- mento delle competenze metacognitive nei genitori, alme- no per quel che riguarda le relazioni con il proprio glio, e a un aumento della loro “sensibilità”.Verrà introdotto il modello di intervento Circle of security.

f.scalia

Skip to content