Menù

DSA – Aggiornamenti dal Coordinatore Gruppo di Lavoro DSA Dott. Suardi.

 DSA  – Aggiornamenti dal Coordinatore Gruppo di Lavoro DSA Dott. Suardi.

GUIDA ALLE PROCEDURE DI AUTORIZZAZIONE/ACCREDITAMENTO STUDI PROFESSIONALI DI DIAGNOSI DSA
guida di riferimento per gli psicologi che effettuano la domanda di autorizzazione/accreditamento
(dott. Alessandro Suardi) Coordinatore Gruppo di Lavoro DSA – Ordine Psicologi delle Marche

Il modulo di richiesta da presentare ai Comuni tramite raccomandata a/r indirizzata al Sindaco ed al responsabile della procedura (che vi sarà indicato dal Comune) è il mod AUT1.
A maggior garanzia e per usufruire delle norme transitorie, oltre alla solita raccomandata che ha valore legale, inviare una PEC dalla vostra PEC alla PEC del Comune per certificare la data di presentazione della richiesta, se inviate in allegato il modulo AUT1 compilato necessita la FIRMA DIGITALE che garantisce l’autenticità degli allegati, la firma digitale si acquista dal vostro gestore mail o da altro gestore.
Per velocizzare le procedure consiglio di usare la PEC senza allegati per richiedere " l’autorizzazione sanitaria alla realizzazione di studio psicologico di diagnosi DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) sito in via…, recarsi poi personalmente al Comune dal funzionario che vi sarà indicato con il modulo AUT1 compilato e farlo verificare e protocollare chiedendo una copia con timbro che attesti la data di presentazione. Spesso sarà necessario, per i Comuni con minor esperienza, istruire i funzionari rispetto alle nuove procedure pertanto allegate alla documentazione copia della delibera 1288 e della LR 32 nonchè copia della seguente guida:
*) La modulistica AUT1 e AUT2 è scaricabile direttamente dai link sottoindicati

http://dspc.regione.marche.it/viewdoc.asp?CO_ID=2573
Autorizzazione
Per Autorizzazione si intendono i distinti provvedimenti che consentono la realizzazione di strutture e l’esercizio di attività sanitarie e socio-sanitarie da parte di soggetti pubblici e privati.
Sono delegate ai Comuni le funzioni concernenti
• il rilascio delle autorizzazioni di cui agli artt. 7 e 8,
• l’esercizio delle attività di vigilanza sulle strutture autorizzate di cui agli artt. 12 e 13
• l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 14.
I soggetti sottoposti alla disciplina delle autorizzazioni sono complessivamente indicati all’art. 5.
Le strutture interessate devono possedere i requisiti minimi richiesti per l’autorizzazione. Tali requisiti vengono aggiornati ogni qualvolta l’evoluzione tecnologica e normativa lo rendano necessario.
Attualmente la determinazione dei requisiti è avvenuta con Deliberazione della Giunta Regionale n. 2200 del 24.10.2000 pubblicata nel BUR Reg.le n. 115 del 09.11.2000.
Un primo aggiornamento è avvenuto con D.G.R. n. 1579 del 10.07.2001.
La struttura sanitaria interessata presenta la documentazione relativa alla richiesta di autorizzazione al Comune territorialmente competente (Mod.AUT1).
L’ammininistrazione comunale a sua volta trasmette tale documentazione alla Regione per la verifica di compatibilità regionale dell’opera da realizzare. Il procedimento di verifica avviene previo un parere espresso dall’ARS cui fa seguito il decreto regionale.
Una volta realizzata la struttura si procede al controllo dei requisiti che viene eseguito dalla Zona Territoriale per gli ambulatori e dalla Regione per le strutture residenziali e semiresidenziali e gli ambulatori pubblici. (Mod AUT2)
L’Amministrazione Comunale, provvederà, poi, in presenza dei requisiti di legge, al rilascio dell’autorizzazione definitiva all’esercizio.
Nel caso di carenza dei requisiti richiesti verrà rilasciata una autorizzazione provvisoria e fissato il termine per l’adeguamento.

ELENCO DETTAGLIATO DEGLI STEP:
1. La struttura sanitaria interessata presenta la documentazione relativa alla richiesta di autorizzazione al Comune territorialmente competente (Mod.AUT1).
2. L’ammininistrazione comunale a sua volta trasmette tale documentazione alla Regione per la verifica di compatibilità regionale dell’opera da realizzare. Il procedimento di verifica avviene previo un parere espresso dall’ARS cui fa seguito il decreto regionale.
3. Una volta realizzata la struttura si procede al controllo dei requisiti che viene eseguito dalla Zona Territoriale per gli ambulatori e dalla Regione per le strutture residenziali e semiresidenziali e gli ambulatori pubblici. (Mod AUT2)
4. L’Amministrazione Comunale, provvederà, poi, in presenza dei requisiti di legge, al rilascio dell’autorizzazione definitiva all’esercizio.
Nel caso di carenza dei requisiti richiesti verrà rilasciata una autorizzazione provvisoria e fissato il termine per l’adeguamento.

http://dspc.regione.marche.it/viewdoc.asp?CO_ID=2575&tree=1934

Accreditamento
Elenco strutture accreditate
Per Accreditamento Istituzionale si intende il provvedimento con il quale si riconosce alle strutture pubbliche e private, già autorizzate, lo "status" di potenziali erogatori nell’ambito e per conto del Servizio Sanitario Nazionale.
I soggetti autorizzati all’esercizio dell’attività sanitaria ai sensi dell’art.8 che intendano chiedere l’accreditamento istituzionale inoltrano la relativa domanda (modello Accr Ist) al Dirigente del Servizio Assistenza Ospedaliera della Regione.
Il Dirigente del Servizio trasmette l’istanza all’ Agenzia Regionale Sanitaria (ARS) per la verifica concernente il possesso dei requisiti. In caso di esito negativo della valutazione il Dirigente del Servizio respinge la domanda comunicando il relativo provvedimento all’interessato nel termine di 30 giorni dal ricevimento della domanda.
L’ARS effettua, nel termine di 120 giorni dal ricevimento della richiesta, un sopralluogo presso la struttura da accreditare. Il sopralluogo viene effettuato dal Gruppo di Accreditamento Regionale (GAR). Nel caso di riscontro di una parziale insussistenza dei requisiti richiesti sono comunicati al richiedente le prescrizioni e il termine per adeguarvisi. Trascorso detto termine si eseguirà un ulteriore sopralluogo. Entro 20 giorni dalla data in cui si è completato il sopralluogo, l’ARS comunica al Servizio Regionale la propria valutazione tecnica.
L’accreditamento è disposto o negato con atto regionale entro 20 giorni dal ricevimento delle valutazioni.
L’accreditamento ha validità triennale.
La domanda di rinnovo deve essere presentata almeno 6 mesi prima della data di scadenza del precedente accreditamento.
La domanda di rinnovo si intende accolta con la conferma della precedente classificazione, qualora entro 180 giorni dalla presentazione della stessa, non venga comunicato all’interessato il provvedimento di diniego.

Classe di Accreditamento
Il Dirigente del Servizio Regionale Assistenza Ospedaliera pubblica annualmente nel BUR l’elenco dei soggetti accreditati, distinti per classe di appartenenza della struttura e per tipologia di prestazioni erogabili.
Le strutture vengono classificate in 5 classi di qualità, sulla base della rispondenza ai requisiti posseduti (art. 15 comma 1) :
o requisito A (livello essenziale)
o requisito B (livello intermedio)
o requisito C (livello di eccellenza)

classe requisiti necessariamente posseduti
1 100% dei requisiti di tipo A Accreditamento di Base
2 100% dei requisiti di tipo A
50% dei requisiti di tipo B
3 100% dei requisiti di tipo A
75% dei requisiti di tipo B
25% dei requisiti di tipo C
4 100% dei requisiti di tipo A
100% dei requisiti di tipo B
50% dei requisiti di tipo C
5 100% dei requisiti di tipo A
100% dei requisiti di tipo B
100% dei requisiti di tipo C Accreditamento di Eccellenza

Attestazione di qualità
L’art.21 della Legge Regionale 20/2000 prevede il "riconoscimento di attestazione di qualità per le strutture accreditate conseguite da parte di Organismi di Certificazione o di Accreditamento Professionale".
Gli attestati di qualità sono presentati all’ARS che una volta verificatane la rilevanza, ne predispone un elenco comunicandolo al Servizio Regionale Assistenza Ospedaliera che provvederà alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Dott. Alessandro Suardi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Skip to content